Il rublo russo continua a scendere

Il rublo russo continua a scendere

23 ottobre 2018 0 Di AnastasiaNedernitsya

Negli ultimi giorni si è visto nuovamente scendere le quotazioni del rublo russo (RUB).

Dopo le quotazioni di marzo di quest’anno, che avevano visto un crollo piuttosto evidente della moneta russa, si aveva registrato una nuova crescita. Poi le notizie delle nuove sanzioni alla Russia da parte degli USA e dell’Europa hanno nuovamente fatto abbassare le quotazioni del RUB.

Sono passati ormai molti anni dalla guerra fredda, ma a quanto pare la situazione tra Usa e Russia non sono ancora sistemate.

In questo articolo cercheremo di capire perché la situazione politica delle due superpotenze finisce per interferire sulla situazione economica generale, perché il RUB viene a perdere rispetto al dollaro e perché questa situazione potrebbe rilevarsi in qualche modo interessante per coloro che amano il trading online.

Le sanzioni alla Russia

Innanzi tutto dobbiamo dire che in realtà si tratta di sanzioni alla Russia, ma anche della Russia. In pratica negli ultimi anni la Russia h messo dei blocchi sull’importazione per alcuni prodotti Europei (tra i quali figurano anche numerosi prodotti italiani) e viceversa.

Le notizie dell’ultima ora dicono che le sanzioni stanno spingendo a la Russia a una forte e veloce dedollarizzazione.

Cosa significa dedollarizzazione

In pratica con dedollarizzazione si intende la volontà dello stato Russo di voler eliminare il dollaro dal suo territorio e dai suoi scambi, nel tentativo di rafforzare in questo modo il rublo a discapito della moneta statunitense.

Attualmente sono già state prese delle misure in proposito: Per prima cosa gli scambi delle aziende petrolifere russe non avvengono più in dollari, ma solo un rubli. La Turchia ha già iniziato a comprare le scorte di grano in rubli, e per finire la Russia ha incrementato di ben 48 volte in un solo anno le quote in attività cinesi nelle sue riserve auree.

Questo ultimo dato deve far un pochino riflettere i trader e tutti coloro che fanno trading online.

E’ pur vero che l’economia russa non è altrettanto forte di quella americana, ma dobbiamo considerare quanto siano in forte espansione le economie dei paesi asiatici negli ultimi anni.

Non solo, consideriamo anche che l’oro è considerato il bene rifugio per eccellenza e che quando la situazione economica generale volge al peggio i grandi investitori mettono al sicuro i propri averi rivolgendosi all’investimento in oro.

Alcuni paesi chiedono a gran voce il ritiro delle sanzioni alla Russia

Comincia comunque a diffondersi la convinzione che le sanzioni, da entrambe le parti fanno piuttosto male all’economia, e il valore del rublo nuovamente in discesa sembra comunque confermare questa preoccupazione generale.

Il fatto che la Russia stia cercando di eliminare la sua dipendenza dal dollaro fa supporre che siano state prese nuove e forti decisioni in ambito nazionale Russo e che presto vedremo gli effetti di queste decisioni sull’economia.